Clicky

marco palma municipio 15
comment
A
A
print
NEWS MUNICIPI

TAGLI AI MUNICIPI, CONTRARIO ANCHE IL SINDACO. PALMA: DIMETTIAMOCI

di Redazione - 6 dicembre 2011 12:48

I tagli previsti dalla nuova manovra economica agli emolumenti dei municipi non è piaciuta ai mini-sindaci della capitale a ai consiglieri che promettono battaglia. “Prima che ci cancellerà il Monti di turno, dopo i ripetuti attacchi e di sottrazione di decentramento a chi come noi svolge attività politica sul territorio con impegno e dedizione tutti i giorni con un compenso di circa 550.00 euro se si effettuano tutte le presenze in un mese (da riportare poi in sede di dichiarazione dei redditi) dimettiamoci in massa, lasciamoli soli ai loro privilegi”. E’ questo il commenti piccato del consigliere del Pdl nel Municipio XV, Marco Palma.

“Il decentramento non sappiamo più cosa sia, i nostri pareri non sono vincolanti, non c’è un bilancio indipendente – spiega ancora Palma – siamo sotto organico negli uffici mentre i dipartimenti straboccano di personale a volte anche sottoutilizzato. Colpire noi e non colpire, al contrario, i parlamentari piuttosto che i consiglieri regionali o continuare a mantenere le regioni e province a statuto speciale è la vera vergogna di questo paese inadeguato anche nelle decisioni e nei tagli: come non pensare al mancato adeguamento al costo della vita delle pensioni di poco inferiori ai mille euro. E’ l’ennesima dimostrazione che sul decentramento non si vuole investire. Me ne rammarico ma vorrà dire che ognuno tornerà alle proprie professioni a tempo pieno o, al contrario, si avvicineranno personaggi senza scrupoli che si faranno pagare anche le informazioni o quei passaggi presso gli uffici per creare condizioni di poca chiarezza, alimentando la corruzione”.

In merito ai provvedimenti previsti dalla manovra di Governo, anche il sindaco Alemanno si è  espresso contro alcuni tagli: “Per quanto riguarda il taglio degli emolumenti agli amministratori dei municipi – ha dichiarato Alemanno – dai presidenti ai consiglieri, per me e’ un provvedimento sbagliato: i municipi a Roma amministrano 200-250 mila persone e devono essere in grado di farlo, perche’ e’ un impegno h24 e sarebbe impensabile che avvenisse su base volontaria. Mi auguro che la manovra venga corretta su questo versante”.

Articoli Correlati

pignatoneCRONACA
Mafia Capitale, Pignatone: “Occorre riflessione sulle coop”

L'audizione in commissione Antimafia del procuratore capo ...

icon
olimpiadiPOLITICA
Olimpiadi 2024, Roma sì Roma no: il Consiglio si spacca sulla candidatura

Alemanno: “Voterò sì”. Secco “no” dal M5S ...

icon
marinoMUNICIPIO III
Marino show alla Festa dell’Unità: “La destra torni nelle fogne”

“Alemanno mi segnalò due nomi”. E l'ex sindaco lo querela ...

icon