ROMA CAPITALE, APPROVATO BILANCIO 2012. ALEMANNO: 15 MLN PER I GIOVANI

Un fondo di 15 milioni da destinare all’occupazione giovanile. E’ questa una delle novità più importanti del Bilancio previsionale 2012, approvati da Roma Capitale. Come ha spiegato il sindaco di Roma Capitale, Gianni Alemanno: ”è stato smantellato il capitalismo muncipale e abbiamo aperto le nostre società ai cittadini e al mercato”.

“Le ultime manovre varate dal Governo hanno determinato pesanti effetti sul bilancio di Roma Capitale – si legge in una nota del Campidoglio -Complessivamente è emersa la necessità di reperire 730 milioni di euro per compensare sia i minori trasferimenti da parte dello Stato e della Regione per un importo complessivo di 478 milioni di euro sia la correzione degli utili per l’anticipo di dividendi già affluiti nello scorso esercizio dalle società partecipate (30 milioni di euro)”.

Incidono negativamente anche le minori valorizzazioni delle contravvenzioni (70 milioni) – prosegue la nota – maggiori spese per oneri finanziari per opere pubbliche (37,3 milioni), minori entrate di varia natura (14,7 milioni) e ulteriori maggiori esigenze della spesa corrente (107 milioni). Tra queste ultime sono compresi 7 milioni per le agevolazioni Tia, 27 milioni di risorse compensative al sociale, 15 milioni per il sostegno dell’occupazione e l’imprenditorialità giovanile, 10 milioni per la manutenzione del verde”.

“In questo scenario il bilancio 2012 persegue una molteplicità di obiettivi – si legge ancora nel comunicato – assicurare meccanismi di equità fiscale a favore delle categorie più deboli (famiglie, disoccupati, pensionati ecc.); garantire l’attuale livello di agevolazioni previste senza ulteriori incrementi tariffari (asili nido e Tia); avviare il processo di riorganizzazione del Gruppo Roma anche alla luce degli indirizzi normativi sui servizi pubblici locali. Priorità viene attribuita agli interventi per la riduzione della spesa attraverso il potenziamento della Centrale Unica per gli acquisti, il taglio della spesa dei Dipartimenti (con esclusione delle spese per il sociale) e la riduzione dei cosiddetti “costi della politica” (ulteriori interventi sulle auto blu, il freno alle missioni di servizio). Queste iniziative di contenimento vengono estese alle Partecipate su cui si interviene anche con limiti più stringenti ai compensi dei dirigenti e degli amministratori”.

“Il finanziamento degli investimenti fa riferimento a risorse pubbliche per 1,3 miliardi circa – continua la nota del Campidoglio – mentre gli interventi restanti dovranno essere realizzati con il concorso del capitale privato. La destinazione privilegiata dei fondi resterà ovviamente il settore del trasporto pubblico (metropolitane) con circa 750 milioni di risorse comunali investite. Seguono in ordine di impegno gli interventi sul territorio e l’ambiente (269 milioni), la viabilità e mobilità (188 milioni) nonché gli interventi sul patrimonio comunale (61 milioni)”.

“Il Patto di stabilità per Roma Capitale, tutt’ora in fase di negoziazione con il Governo e la Regione Lazio, ha l’obiettivo finale di pagare almeno 350 milioni per gli investimenti oltre quelli delle metropolitane – conclude il comunicato – Sono immediatamente disponibili ulteriori 45 milioni per nuovi interventi di manutenzione”.

“Ringrazio il Sindaco e la Giunta per aver mantenuto l’impegno di non effettuare tagli sul fondo comunale sui servizi sociali – ha dichiarato il vicesindaco Sveva Belviso – Roma Capitale li garantirà”.
“Ci assumiamo la responsabilità di non chiudere alcun servizio, nonostante i mancati trasferimenti dallo Stato alla Regione e da quest’ultima al Comune, di 18 milioni di euro – ha aggiunto – Sono certa che la Governatrice Renata Polverini, vista la sua comprovata sensibilità sul tema del sociale, in sede di assestamento di bilancio, non mancherà di dare copertura a questa parte mancante”.

“Il bilancio approvato oggi in Giunta ci permette di mantenere la macchina amministrativa su standard elevati nei servizi resi alla cittadinanza – ha evidenziato l’assessore alle Risorse umane e Servizi tecnologici di Roma Capitale, Enrico Cavallari - Il Campidoglio continua a puntare sulla qualità delle risorse umane e sullo sviluppo dei migliori sistemi informativi e tecnologici”.

“Non ci siamo limitati a un Bilancio in difensiva – ha spiegato negli scorsi giorni il sindaco – abbiamo avviato iniziative nuove e importanti, come il Quoziente familiare sulla Tari, un fondo per l’occupazione da 15 milioni, di cui 5 rivolti ai giovani e 10 a tutti coloro che hanno contratti precari. La possibilità di una partecipazione dei lavoratori alla holding, opportunità prevista per la prima volta e quindi un segnale forte. Un impegno sui pagamenti”.

“Con le varie operazioni – ha precisato Alemanno – potremo avere 350 milioni di pagamenti e investimenti che possono essere messi in campo nonostante i vincoli del patto di stabilità”. Quindi, “nonostante il peso di questa manovra da parte delle misure dettate dal Governo, si opera per uscire dalla crisi. Altro aspetto importante – ha proseguito Alemanno – è che non aumentano le tariffe e non viene tagliata la spesa sociale“.

Nel corso della seduta di Giunta comunale “e’ stata approvata anche la delibera sul Quoziente familiare, sono felicissimo”. Ha spiegato l’assessore capitolino alla Famiglia, Gianluigi De Palo, al termine della riunione dell’esecutivo capitolino.

Inoltre “e’ stata deliberata la proposta di cessione del 21% di Acea” oltre alla “costituzione della holding dove confluiranno anche Atac e Ama”, ha reso noto l’assessore al Bilancio, Carmine Lamanda, al termine della riunione di Giunta. Infine, nel Bilancio 2012 sono previsti ”350 milioni investimenti che potranno essere attuati rispettando il Patto di stabilita‘”, ha concluso Lamanda.

Be Sociable, Share!

Categoria: NewsNews dal ComunePolitica

Tags:

RSSComments (0)

Trackback URL

I commenti sono chiusi.