IL MOVIMENTO DEI FORCONI A ROMA, ANNUNCIATO BLOCCO DI VIA PONTINA

Le proteste dei tassisti non sono state le uniche che hanno messo nei guai il trasporto pubblico non di linea. Ieri, diversi utenti, in rete, hanno scelto di mettere in atto uno sciopero al contrario e non prendere i taxi così da vendicarsi dei disagi subiti negli scorsi giorni.

Intanto non si placa l’ira della categoria nei confronti delle liberalizzazioni. E dopo le assemblee a Circo Massimo ci si prepara allo sciopero nazionale. I sindacati hanno confermato l’astensione dal servizio per il 23 gennaio, assicurando il rispetto delle fasce protette.

Fino a lunedì il servizio dovrebbe essere regolare a Roma e Fiumicino. “I tassisti a Roma sono in servizio. Abbiamo chiesto loro di sospendere assemblee e sit-in per prepararsi allo sciopero generale di lunedì che durerà 24 ore”,  ha spiegato il segretario nazionale di Unica-Cgil Taxi, Nicola Di Giacobbe.

Loreno Bittarelli, segretario di Uritaxi  e presidente della cooperativa taxi 3570, ha aggiunto: “Il servizio è regolare proprio perchè non abbiamo ancora un testo definitivo. Una volta analizzati i contenuti del decreto, il parlamentino di riunirà a Roma per decidere il da farsi. Intanto è proclamato un fermo nazionale del servizio, lunedì, nel rispetto delle fasce protette”.

MOVIMENTO DEI FORCONI A ROMA - Il movimento dei  ”Forconi siciliani” è arrivato anche nel Lazio con il nome di “Movimento dignità sociale”. Per lunedì si annuncia il blocco della via Pontina. Previsti disagi nella capitale. Qui, infatti, si recheranno i membri del movimento intenzionati a creare la carenza di scorte alimentari e non solo. Intanto le questure di Roma e Latina si preparano al loro arrivo.

Be Sociable, Share!

Categoria: News MunicipiRoma

Tags:

RSSComments (0)

Trackback URL

I commenti sono chiusi.