DOMANI SCIOPERO DEI MEZZI PUBBLICI: A RISCHIO TRAM, METRO, BUS E TRENI

Domani i pendolari si preparino ad affrontare una nuova giornata di disagi per via di due scioperi del trasporto pubblico, uno dei quali della durata di 24 ore. Tram, metropolitane, autobus e treni regionali sono a rischio. La Capitale dovrà fare i conti con le proteste indette dalla Faisa Cisal in Atac e dal Sul in Roma Tpl, oltre a una di 4 ore che riguarda il servizio di trasporto regionale (dalle 8,30 alle 12,30) indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Ugl Trasporti, Faisa Cisal e Sul.

La Cotral Spa  ha riferito in una nota ufficiale che “a seguito della proclamazione dello sciopero indetto dalle organizzazioni sindacali Faisa Cisal e Sul Ct  giorno 17 novembre 2011 il personale di movimento si asterrà dalle prestazioni lavorative dalle 8,30 alle ore 17 e dalle ore 20 a fine servizio. I bus extraurbani quindi sospenderanno le corse dai capolinea dalle ore 8,30 alle ore 17 e dalle ore 20 a fine servizio per riprendere il lavoro al termine dello sciopero con partenze dei bus dalle rimesse di appartenenza. Il personale addetto alla verifica sciopererà con le stesse modalità dell’esercizio. Per tutti i lavoratori degli uffici, degli impianti fissi e per tutto il personale non indicato, lo sciopero avverrà per l’intero turno. Sono esclusi dallo sciopero gli addetti ai centralini telefonici, i guardiani, gli addetti alla portineria, gli ingegneri centrali, i capi tecnici centrali e i capi di movimento centrali”.

La paralisi riguarderà anche Atac e Roma metropolitane : saranno a rischio, per tutta la giornata del 17 novembre tram, metropolitane e le ferrovie urbane Roma-Lido, Termini-Giardinetti e Roma-Civitacastellana-Viterbo. Il servizio sara’ assicurato solo nelle fasce di garanzia previste dalla legge, da inizio corsa fino alle 8,30 e poi dalle 17 alle 20. Per quanto riguarda, invece, i treni regionali, disagi sono previsti già a partire da questa sera alle 21.

 

Be Sociable, Share!

Categoria: AttualitàNewsRomaTrasporto Pubblico

Tags:

RSSComments (0)

Trackback URL

I commenti sono chiusi.